PERCHE' LA VILLA DEI PAPIRI?
La Villa dei Papiri è la sontuosa dimora situata a circa 250 metri a ovest degli scavi di Ercolano, sepolta da circa venti metri di lava e fango indurito, quasi certamente appartenuta a Lucio Calpurnio Pisone, suocero di Giulio Cesare. La Villa dei Pisoni è diventata la Villa dei papiri per il rinvenimento di circa 1800 rotoli di papiro carbonizzati che facevano parte di una fornita biblioteca di testi filosofici e di classici greci e romani. Scavi recenti hanno portato alla luce parte della zona dell’atrio e hanno scoperto che l’edificio si estendeva su almeno tre piani che probabilmente custodiscono altri testi ed opere d’arte, opera di intellettuali della scuola di Filodemo di Gadara fondata dai mecenati, proprietari della villa.
Dopo un viaggio ad Ercolano e la visita al Museo Archeologico di Napoli, Paola Rapini, docente di Italiano e Storia, ispirata dalla scoperta archeologica e affascinata dalla papirologia, organizza il laboratorio di scrittura omonimo, crea il logo a tema e spinta dalla sua passione per la scrittura, decide di mettere al servizio degli altri la propria esperienza facendo di “carta e penna” un innovativo strumento di comunicazione con se stessi e con gli altri.
Cultura e tecnologia sono le parole d’ordine de “La Villa dei Papiri”: un binomio felicemente espresso nel nome e nel logo.
Copyright © La Villa dei Papiri - Tutti i diritti riservati
Webmaster